HoReCoast, una fiera nella soleggiata cornice della costiera amalfitana alla quale Pro Pizza ha preso parte lo scorso 16 e 17 Marzo.

L'hotel Ariston di Paestum, antica città della Magna Grecia, ha ospitato l'VIII edizione di questo evento, famoso per essere il primo nel Sud Italia, interamente dedicato ai professionisti del settore HoReCa.  

Workshops, show-cooking, laboratori, conferenze, eventi live e formazione hanno caratterizzato queste intense giornate presenziate da personalità di spicco del mondo bakery, come ad esempio

22 Ottobre 2021. Una data che per noi ha rappresentato il ritorno in scena, fieristicamente parlando!

E' stato emozionante partecipare nuovamente alla fiera internazionale dell'ospitalità, Host Milano, dove, oltre 150.000 visitatori hanno incontrato 2.700 aziende, riconfermando Milano come hub fieristico europeo per la promozione internazionale delle eccellenze italiane! 

Propizza ha accolto buyers e ristoratori provenienti da più di 10 paesi diversi, tra cui Croazia, Emirati Arabi, Spagna, Francia e Grecia, Germania, Austria, 

Abbiamo esposto i nostri prodotti all'interno del grande complesso firmato Costagroup, che anche quest'anno attraverso design e materiali ricercati ed innovativi, si è confermato leader del settore nello sviluppo di concept stores a livello mondiale.

Cominceremo ora a trattare l’opera più grandiosa della natura: esporremo all’uomo i suoi cibi, e lo costringeremo ad ammettere che gli è sconosciuto ciò che lo fa vivere” (Plinio, XX, 1).

Da quest'anno Pro Pizza, è diventata socia sostenitrice del più importante ateneo al mondo che forma i gastronomi del domani. 

 

Quest'unione rappresenta un'opportunità unica per condividere esperienze e competenze nel settore del food e per fare networking con un notevole parterre di produttori artigianali e grandi players come Bridor, Ferrero e Barilla.

Ma partiamo con una breve descrizione dell'Università di Scienze Gastronomiche, perché è unica al mondo?


 

Sino a prima del 2004, quando l'università fu fondata, le discipline legate al food venivano divise in 3 diverse branchie, quali tecnologia, medicina e nutrizione; nessuna di queste però teneva in considerazione l'aspetto filosofico e antropologico del cibo.

Le tre branchie erano infatti discipline a sé stanti, non interconnesse tra di loro. 

L'università di Scienze Gastronomiche, infatti, è stata un vera e propria precursora, non solo nel connettere queste discipline, ma anche nel prenderne in considerazione una totalmente nuova: la gastronomia, un'approccio antropologico legato agli effetti culturali del cibo sui popoli, alle tradizioni legate ad esso e soprattutto al suo modellamento della società dall'inizio dei tempi.

Lo stesso Carlo Petrini (fondatore dell'associazione Slow Food e presidente dell'Università di Scienze Gastronomiche) afferma: "nessuno poneva al centro di un percorso di studi la cultura alimentare e la gastronomia. Lo abbiamo fatto noi".

La gastronomia emerge quindi solo pochi decenni fa quale discorso fondante della cultura e della società.


Il tema plastica è diventato un argomento bollente negli ultimi anni.

Da quando campagne a difesa dell'ambiente hanno reso pubbliche le immagini di mari e spiagge letteralmente sommerse da rifiuti di questo materiale e soprattutto davanti ad un'opinione pubblica sempre più attenta a combattere questo problema mondiale, sembra che un po' tutti stiano intraprendendo iniziative per arginare il problema.

 

"Ma cosa sono questi grani antichi che utilizzate per realizzare le vostre basi per pizza?" 

"Esistono davvero dei grani antichi e dei grani moderni?" 

 

Probabilmente non l'avreste mai detto, ma la differenza tra queste due tipologie di grani risiede in un piccolo dettaglio: la loro altezza! 

 

Sottocategorie