"Ma cosa sono questi grani antichi che utilizzate per realizzare le vostre basi per pizza?" 

"Esistono davvero dei grani antichi e dei grani moderni?" 

 

Probabilmente non l'avreste mai detto, ma la differenza tra queste due tipologie di grani risiede in un piccolo dettaglio: la loro altezza! 

 

Cominceremo ora a trattare l’opera più grandiosa della natura: esporremo all’uomo i suoi cibi, e lo costringeremo ad ammettere che gli è sconosciuto ciò che lo fa vivere” (Plinio, XX, 1).

Da quest'anno Pro Pizza, è diventata socia sostenitrice del più importante ateneo al mondo che forma i gastronomi del domani. 

 

Quest'unione rappresenta un'opportunità unica per condividere esperienze e competenze nel settore del food e per fare networking con un notevole parterre di produttori artigianali e grandi players come Bridor, Ferrero e Barilla.

Ma partiamo con una breve descrizione dell'Università di Scienze Gastronomiche, perché è unica al mondo?


Sino a prima del 2004, quando l'università fu fondata, le discipline legate al food venivano divise in 3 diverse branchie, quali tecnologia, medicina e nutrizione; nessuna di queste però teneva in considerazione l'aspetto filosofico e antropologico del cibo.

Le tre branchie erano infatti discipline a sé stanti, non interconnesse tra di loro. 

L'università di Scienze Gastronomiche, infatti, è stata un vera e propria precursora, non solo nel connettere queste discipline, ma anche nel prenderne in considerazione una totalmente nuova: la gastronomia, un'approccio antropologico legato agli effetti culturali del cibo sui popoli, alle tradizioni legate ad esso e soprattutto al suo modellamento della società dall'inizio dei tempi.

Lo stesso Carlo Petrini (fondatore dell'associazione Slow Food e presidente dell'Università di Scienze Gastronomiche) afferma: "nessuno poneva al centro di un percorso di studi la cultura alimentare e la gastronomia. Lo abbiamo fatto noi".

La gastronomia emerge quindi solo pochi decenni fa quale discorso fondante della cultura e della società.


Da quando il coronavirus è esploso in Italia e nel mondo intero, ha reso molto fragile tutto il sistema e non meno quello economico.

Aziende chiuse, potere d'acquisto limitato, una situazione che in Italia, certamente non vivevamo ormai dal secondo dopoguerra.

A seguito delle ultime disposizioni governative in merito al contenimento del covid-19 che vietano lo spostamento delle persone e limitano il servizio di molti locali, il food delivery sembra essere al momento un'ancora di salvezza.

 

"Ma cosa sono questi grani antichi che utilizzate per realizzare le vostre basi per pizza?" 

"Esistono davvero dei grani antichi e dei grani moderni?" 

 

Probabilmente non l'avreste mai detto, ma la differenza tra queste due tipologie di grani risiede in un piccolo dettaglio: la loro altezza! 

 

 Diamo il benvenuto al mese di Marzo con una ricetta che ha tutte le basi per esser definita la pizza del benessere.

Alcuni di voi che ci scrivono, chiedono come mai la nostra, pur trattandosi di un'azienda che produce basi per pizza, si occupi anche di proporre ricette sul proprio sito e sui social.

Ve lo raccontiamo subito e con gran piacere!

Sottocategorie